Emissioni globali

Emissioni globali

10 maggio 2021

Hanan Friedman foto

Hanan Friedman

Fondatore e Presidente

Senza dubbio, la minaccia del cambiamento climatico è già qui. Negli ultimi 150-200 anni, la concentrazione di CO2 (anidride carbonica) nell'atmosfera è aumentata notevolmente. È chiaro che questi drammatici cambiamenti climatici sono attribuiti alle emissioni di GHG (gas serra) causate dall'attività umana, come la combustione di combustibili fossili per elettricità, calore e trasporti.

Scienziati di tutto il mondo concordano sul fatto che per limitare gli impatti dei cambiamenti climatici, le emissioni globali di GHG devono essere ridotte in modo significativo. Nonostante le conferenze internazionali e le tecnologie innovative, il mondo è ancora lontano dall'attuazione di un percorso sostenibile.  

  •  Emissioni di CO2 

Le emissioni di anidride carbonica vengono rilasciate nell'atmosfera in molti modi. Il problema sorge quando l'attività umana influisce l'equilibrio nella natura. I gas serra come l'anidride carbonica, il metano, i gas fluorurati e altri assorbono il calore. L'enorme quantità di emissioni di CO2 nell'atmosfera è diventata il principale motore del cambiamento climatico globale.

Se guardiamo alle emissioni globali di gas serra per settore, vediamo che il settore energetico è responsabile di circa il 76%. Ciò include calore, elettricità e trasporti. Il settore dei trasporti da solo rappresenta circa il 23% delle emissioni totali, compresi i trasporti stradali, aerei, marittimi e ferroviari.

Facciamo un altro esempio: I sistemi dell'industria alimentare sono responsabili di circa il 25% delle emissioni globali di gas serra. Inoltre, le emissioni dai rifiuti alimentari sono significative, rappresentando circa il 25% della produzione alimentare totale. Il sistema alimentare globale è piuttosto vasto e coinvolge il modo in cui il cibo viene prodotto (coltivato, raccolto), trasformato, confezionato e distribuito. Occorrono soluzioni tecnologiche efficaci per la lavorazione e la distribuzione, attività che contribuiscono anche alle emissioni di questo settore.

Le statistiche mondiali mostrano le medie globali per diversi settori; tuttavia, la situazione reale può essere molto diversa nei singoli paesi. Ad esempio, negli Stati Uniti il ​​settore dei trasporti contribuisce con emissioni maggiori rispetto alla media globale. In Brasile, la maggior parte delle emissioni proviene dall'agricoltura e dal cambiamento dell'uso del suolo.

La buona notizia è che gli Stati Uniti hanno cambiato la direzione e hanno fissato nuovi obiettivi ambientali. Il presidente Biden ha posto la questione del cambiamento climatico in cima all'agenda nazionale. Poco dopo il suo investimento, l'America ha ripreso l'accordo di Parigi dopo diversi anni di non coinvolgimento ufficiale. Il ritorno sull'arena internazionale è un serio punto di svolta. Vale la pena notare che gli Stati Uniti sono il più grande emettitore di emissioni di CO2 da combustibili fossili dopo la Cina.

Nell'aprile di quest'anno, il presidente Biden ha ospitato un vertice internazionale in cui 40 leader mondiali si sono riuniti per discutere gli obiettivi e le misure necessarie per affrontare la crisi climatica e soddisfare le esigenze della scienza. Ha annunciato l'obiettivo di riduzione delle emissioni di gas serra per il 2030 del suo paese, che prevede piani per ogni settore dell'economia.

 

  • La situazione oggi

L'obiettivo a lungo termine dell'accordo di Parigi è mantenere l'aumento della temperatura media globale ben al di sotto dei 2°C (sopra i livelli preindustriali) e proseguire gli sforzi per limitare l'aumento a 1,5°C. Quasi tutti i governi del mondo hanno ratificato l'accordo e si sono impegnati a ridurre le emissioni di gas serra causati dall'attività umana. Per raggiungere l'obiettivo dell'accordo di Parigi, le emissioni globali dovranno essere drasticamente ridotte.

L'Agenzia Internazionale dell'Energia (IEA) ha pubblicato un rapporto in cui valuta la direzione della domanda di energia e delle emissioni di CO2 a seguito degli effetti del COVID sull'economia mondiale. Gli progetti effettuati nell'aprile 2021 mostrano un rimbalzo di quasi il 5% delle emissioni globali di CO2 quest'anno, mentre il mondo si riprende dal 2020.

  •  C'è qualche piano per il mondo e chi lo sta facendo?

In uno dei nostri blog precedenti (Comportamento sostenibile nell'industria della logistica e dei trasporti), abbiamo concentrato la nostra attenzione sui passi che il settore della logistica dovrebbe intraprendere per proteggere l'ambiente e creare cambiamento sociale.

Qui stiamo affrontando la sfida della riduzione delle emissioni globali di CO2 e come ogni settore deve contribuire a trovare una soluzione.

Il settore privato sta salendo a bordo. Vediamo molte aziende e società impegnate a integrare misure di sostenibilità nei loro piani e strategie aziendali. Il settore della logistica non fa eccezione. È chiaro che l'integrazione di pratiche rispettose dell'ambiente nella gestione della catena di approvvigionamento aumenterà la trasparenza e ridurrà le emissioni. Ciò che viene misurato può essere gestito!

La 26a Conferenza dell'UNFCCC (COP26) si svolgerà nel Regno Unito (UK) nel novembre di quest'anno. In quanto parte che ospita il vertice annuale, il Regno Unito ritiene particolarmente importante assumersi la responsabilità di promuovere gli obiettivi dell'accordo di Parigi. Sono in programma diversi eventi "pre-COP" per accelerare l'azione. Le campagne di cambiamento graduale si concentreranno sulla transizione energetica (dai combustibili fossili all'energia pulita), sui trasporti stradali puliti e sulla natura (biodiversità).

Il piano di decarbonizzazione dei trasporti del Regno Unito (2020) definisce politiche chiare per affrontare le emissioni dei trasporti e include la garanzia che le merci vengano consegnate attraverso un sistema di consegna integrato, efficiente e sostenibile.

Questi sono i primi passi. Tuttavia, sono i passaggi che portano a un cambiamento fondamentale rilevante per ogni paese. Ci auguriamo che queste azioni serviranno come ottimi esempi da seguire per altri paesi. 

Mentre il mondo si avvia verso l'attuazione dell'accordo di Parigi, è chiaro che una politica forte sarà un catalizzatore per l'ambizione del settore privato. Credo che solo i cambiamenti nel comportamento possano aiutare a raggiungere una migliore ottimizzazione ed efficienza che proteggono l'ambiente. 

Trucknet è una pietra miliare nella transizione verso l'energia rinnovabile per ottenere ZERO inquinamento nel trasporto merci.